L’ingegnere gestionale di Liuc sarà anche Energy Manager. E’ stato presentato questa mattina, matedì 23 giugno, il nuovo percorso di eccellenza per i laureandi in ingegneria gestionale alla Libera università Carlo Cattaneo di Castellanza. Si tratta di un nuovo orientamento che porterà i futuri ingegneri ad essere in grado di gestire l’intero ciclo dell’energia in azienda a partire dalle fonti fino alla conservazione, alla razionalizzazione e alla gestione della stessa in base alle normative fiscali. L’iniziativa, come spesso accade nell’ateneo nato per volontà dell’Unione degli Industriali 18 anni fa, ha trovato l’apporto di due importanti nomi nel panorama energetico nazionale: Erg ed Espansione. Le due società, con la prima che è entrata a far parte della seconda dal 2007, saranno i due punti di riferimento per quanto riguarda l’applicazione pratica del management energetico da parte degli studenti di Liuc.

In particolare il percorso formativo,che prenderà il via dal prossimo anno accademico, si pone come un percorso di eccellenza all’interno della laurea magistrale. Prevede circa 150 ore di aula e visite e 50 ore di progetto con una didattica fortemente interattiva e realizzazione di project work finale. L’obiettivo è quello di fornire all’ingegnere gestionale competenze più specifiche che lo mettano in grado di gestire in modo integrato ed ottimale il fattore energia all’interno dei processi produttivi aziendali. Il modulo introduttivo inquadrerà la tematica energetica mentre i moduli successivi approfondiranno la gestione tecnica, giuridica e manageriale dell’energia. In conclusione si entrerà in azienda, molte quelle che hanno dato la loro disponibilità da Erg a Espansione ma anche Amga, Accam, Ars Ambiente e Erif Real Estate, per progettare un modello di gestione energetica di un’azienda.

Per il rettore dell’istituto universitario Andrea Taroni il percorso di eccellenza per Energy Manager è «la dimostrazione che Liuc unisce sempre di più competenze tecniche e formative». Alla presentazione ha partecipato anche Giovanni Gatti, consigliere delegato alla ricerca scientifica di Erg che ha sottolineato le molte iniziative in collaborazione con le università avviate dalla società che con Erg Power and Gas si è lanciata da alcuni anni nel campo dell’energia da fonti rinnovabili ribadendo che: «La conservazione dell’energia è una delle sfide che ci poniamo per il futuro per questo sosteniamo questi progetti». Marino Vago presidente di Espansione è sulla stessa linea e ha parlato diffusamente della nascita della società «un vero e proprio grossista dell’energia elettrica nato nel ’99 con la liberalizzazione del mercato dell’energia e con l’esigenza di aumentare le proprie dimensioni per abbassare i costi e così ad oggi operiamo in tutta Italia».